/La nostra trasferta a madrid

La nostra trasferta a madrid

Come sempre molto bella e ricca di appuntamenti la trasferta organizzata dall’Associazione Italiana Roma Club a Madrid per accompagnare e sostenere la Roma nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League.
Partenza il 7 mattina con una folta rappresentanza del consiglio direttivo del centro coordinamento Roma Club, arrivo a Madrid e pomeriggio libero con i tanti tifosi che hanno colorato la città spagnola con sciarpe, bandiere e la goliardia che appartiene al solo romano.
Dopo l’ottima cena, mentre alcuni tifosi hanno continuato la visita alla città, una nutrita rappresentanza si è trasferita al Casinò di Madrid in cerca di fortuna.
Il giorno successivo, 8 marzo e festa della donna è scivolato via con i tanti sostenitori giallorossi liberi di visitare le tante bellezze della capitale spagnola… E così, oltre alla visita guidata, in molti si sono diretti verso le strade di Plaza de Toros, Puerta del Sol, Plaza Maior, Palazzo Reale, Cattedrale Almudena, Gran Via, piazza Toledo, Santiago Bernabeu con relativo tour del museo e Vincente Calderon, tempio e casa dei cugini e rivali dell’Atletico Madrid.
La sera alle 18,30 la partenza dall’albergo in pullman destinazione Santiago Bernabeu. Settore ospiti (quarto anello)esaurito e tanti tifosi presenti anche in altri settori, con una folta rappresentanza di associati Airc presenti a bordo campo nella prima fila del primo anello.
La bella prestazione della squadra, anche se conclusa con una sconfitta, non ha scalfito l’amore e l’umore della gente che ha applaudito la Roma e nel dopo partita si è diretta comunque soddisfatta nei tanti locali spagnoli per la cena.
Il giorno dopo, 9 marzo, dopo una mattinata dedicata ancora a visite e shopping la truppa giallorossa intorno alle 13 si è diretta in pullman verso l’aeroporto di Madrid, destinazione Roma.
Un’altra trasferta è terminata e la mente dei tifosi già vola al prossimo anno, alla prossima Champions League, obiettivo dichiarato di questa Roma che, con Luciano Spalletti in panchina vuole tornare a sognare.